Che cosa è adorazione?

adorazioneL’adorazione non è soltanto un canto, e neppure soltanto una esecuzione musicale. L’essenza dell’adorazione è un naturale fluire della tua relazione con il Padre. All’uomo piacerebbe classificarla ed etichettarla, ma le vere definizioni non possono esprimere la pienezza dell’adorazione così come Dio la intendeva. In poche parole, è un’espressione della nostra ardente adorazione al Suo tenero amore, una scoperta di Lui nel Suo rivelarci la Sua magnificenza. L’adorazione è una relazione. Ricordiamoci che noi Lo amiamo e rispondiamo a Lui in adorazione perché Lui ci ha amati per primo.

Puoi esprimere la tua adorazione in tanti modi, sia nella quiete nel chinarti davanti a Dio, come pure nella passione e nell’esuberanza della gioia mentre ti unisci a Lui in un canto allegro. Se ti arrendi all’espressione completa dell’adorazione, e non cedi alle tue paure e alle costrizioni dell’uomo, certamente gioirai e farai esperienza della ricchezza di vita che il Padre ha intessuto per i Suoi figli!

Prima della morte e della risurrezione di Gesù, l’arca del Patto del Signore, sulla quale la presenza e la gloria di Dio riposavano, fu separata dagli uomini da un velo (una tenda). L’arca rimaneva nel Luogo Santissimo del tempio e il gran sacerdote aveva permesso di entrarci soltanto una volta l’anno, in rappresentanza del popolo. La manifestazione della presenza di Dio verso le persone era separata a causa del loro peccato poiché il peccato doveva essere giudicato alla presenza di un Dio santo, e questo avrebbe causato la morte delle persone stesse. Il sacrificio di Gesù, l’espiazione per il peccato dell’uomo, ha fatto sì che tutti coloro che ricevono Gesù come Signore e Salvatore, possano entrare liberamente nella presenza dell’Altissimo. Con la Sua morte Gesù ha strappato il velo della separazione, aprendo la via al Padre!
Questo notevole evento portò a uno stato di pienezza nell’adorazione che il Padre aveva sempre desiderato: l’intimità.  L’adorazione ti porta alla presenza di Dio. Gesù parla degli adoratori che il Padre sta cercando. La parola originale che Egli usa per “adorazione” significa letteralmente “venire avanti per baciare”, esprimendo così il Suo cuore d’intimità con il Suo popolo, un’intimità che solamente Gesù poteva rendere manifesta. Gesù non solamente ha fatto entrare l’intimità radicale nell’adorazione, ma ha pure voluto un’adorazione in “verità”. La “verità” parla dell’adorazione fatta col cuore e incorpora uno stile di vita in adorazione. Non soltanto la domenica, ma ogni giorno, in ogni situazione e con tutto quello che Lui ci ha dato, affinché l’adorazione diventi come dovrebbe essere: una crescente rivelazione di Dio quando siamo alla Sua presenza.