Perchè la chiesa?

worship2klNon pensare che la chiesa sia un edificio. La chiesa è fatta da persone. Non si riferisce a un edificio né a un’organizzazione, ma a un gruppo di persone. Perciò la domanda non è “Che cos’è la chiesa?”, bensì “Chi è la chiesa?”

La chiesa di Cristo è l’insieme dei veri credenti dovunque nel mondo. La chiesa o comunità cristiana locale è una concreta espressione di quella chiesa di Cristo universale. Quindi tu fai automaticamente parte della chiesa di Cristo dal momento della tua nuova nascita. Ma hai anche bisogno di essere parte di una chiesa locale per esercitare la tua fede. E’ molto difficile sopravvivere e crescere come un cristiano in isolamento.

La Bibbia ci fornisce un numero d’immagini (analogie) della chiesa, che valutate insieme, ci permettono di avere una conoscenza più ampia dell’identità, del carattere, della struttura, della direzione, della missione e del mandato della chiesa. Ne prendiamo due:

1. Famiglia

La chiesa è preminentemente una famiglia di credenti. Questo significa che è un gruppo di persone legate principalmente da una relazione e non da una struttura, da una funzione, dalla fede comune o dalla visione e dai valori condivisi (benché questi ultimi promuovano l’unità). La famiglia cristiana in quanto tale è un ambiente d’amore comune, affermazione, riposo e rinnovamento, nel quale le persone possono crescere in un ambiente sicuro e senza minacce mentre ricevono istruzione, incoraggiamento, sostegno e correzione. Tutto questo dovrebbe essere realtà nella chiesa locale. In questo senso, i leader si comportano da genitori, allevano i loro figli spirituali, ma anche i credenti più giovani possono aiutare i loro “fratelli” in vari modi. Insieme facciamo la famiglia di Dio; ogni membro della famiglia ha delle piccole commissioni e può aiutare i suoi fratelli. L’intento di una vita cristiana è condividere, amare; non soltanto la domenica ma ogni giorno. Tu hai bisogno di una chiesa locale sia per quello che tu ricevi (istruzione, cura pastorale, comunione) sia per quello che tu hai da dare (doni e ministeri).

2. La sposa

La chiesa è la sposa di Gesù. Gesù venne per chiedere la sua mano e per conquistarla; il Suo amore attira le persone verso di Lui. Gesù pagò il prezzo necessario per lei; riscattò un popolo per Sé. Ora Lui la perfeziona e la porta in uno stato di piena fioritura; alla fine dei tempi, Lui ritornerà per sposarla e per celebrare con lei al banchetto nuziale. Lui poi la riporterà alla casa di Suo Padre e vivrà lì con lei per sempre. Questa immagine trasmette l’appassionato e intimo amore tra Gesù e noi che formiamo la sua chiesa, un amore espresso soprattutto nell’adorazione da parte nostra, ma anche in tutta la nostra vita e nei nostri atti, i quali derivano dal nostro amore per Lui.

Qualunque immagine della chiesa usiamo, possiamo dire che la chiesa dovrebbe continuare il lavoro che Gesù ha iniziato durante i suoi anni di ministero sulla terra. Ogni cosa che Gesù venne a fare, può essere così riassunta: Lui venne per fondare il Regno di Dio. Quindi, in poche parole, la chiesa è chiamata per estendere il Regno di Dio. Nel suo essere, la chiesa modella il Regno; nel suo linguaggio, la chiesa proclama il Regno; nei suoi atti lavora per il Regno. La chiesa è la prova di, l’indicatore verso, e il mandatario del Regno.

Perché è importante inserirsi in una chiesa?

Ognuno di noi ha ottenuto i suoi talenti naturali da Dio. Forse sei un musicista, un decoratore, o un contabile bravissimo. O ti piace insegnare, cucinare, o lavorare con i bambini. In più, nella Sua grazia, Dio ci dà dei doni attraverso il suo Spirito Santo (ricevuto da ogni cristiano che accetta Gesú come Dio vivente). Per esempio, ci possono essere doni di servizio, di leadership, di profezia o di guarigione. Se ogni cristiano utilizzasse i suoi talenti e i suoi doni per aiutare altre persone (cristiane e non-cristiane!), la vita sarebbe più bella, vero?

Una comunità cristiana, quindi, può offrire protezione, pace, guarigione e gioia attraverso il dialogo, la preghiera, l’aiuto pratico, l’amicizia, le attività comuni ecc. Così nasce uno scambio; sotto la guida dello Spirito Santo, ognuno contribuisce con quello che Dio gli ha dato e nasce una vera comunità cristiana. Solo così valorizziamo la nostra vita cristiana e viviamo l’amore di Gesú: “Come io vi ho amati, anche voi amatevi gli uni gli altri. Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri (Giovanni 13:34,35).